Serie C: L’ ARSENALE CUSIN !

Auto-Treno-Vaporetto-Piedi…
Per arrivare all’Arsenale ci vuole un po’ di tempo, e pazienza. Se pensiamo che le lagunari se lo sciroppano in direzione contraria ogni weekend beh! una gita a Venezia una tantum, è pure divertente. Se si vince…
Forfait per Erika e Francy, twins Desiderato e Cippo pronte ad entrare. Giorgia in post infortunio seduta in panca, per onor di firma? Battesimo per Elenina (pardon!) nello starting five. Le padrone di casa si presentano, pivot Serbandoni sembra andare a nozze. Subito 11 punti per lei, Marta silenziata dai falli. Davide e Lello (alla “prima” ufficiale) si consultano…bisogna invertire tendenza subito, “cambiare approccio al match” (direbbero i guru della palla a spicchi). Bene! Dentro Giorgia, il pensiero caviglia rimane in panca, e tutto il resto in campo. Un attimo di assestamento e in coppia con Giulia, rimette in moto la macchina Thermal. Prima sirena 18-11, ma…don’t worry!
Secondo quarto. E la storia un’altra, la scrive Giorgia Cusin, che rivolta il match come un calzino, mettendone in luce la parte verde. Giulia riprende la love story col canestro, Elenona (pardon again…) “abbassa” il pivot avversario, Aurora di contraerea nel caso che le veneziane….32-38 al break lungo. Adesso

comandiamo noi.
Rifiata, ma solo un pochino, Giorgia. I gradi di capitano Giada vuol tenerseli stretti: 8 punti tutti d’un fiato. Venezia con l’acqua alla gola. Altro parziale a nostro favore (6-17) e gara in discesa.
La prudenza, si sa, non è mai troppa. Ma non serve spargere sale…Davide dà spazio a tutte, rimaniamo abbondantemente sopra il livello di guardia. Nessun allarme, anzi. Chiusura in crescendo, con gli assoli di Sara e Cippo (47-71). Leviamo le ancore, Venezia per un giorno è nostra.

  • 003
  • 004
  • 008
  • 009
  • 010
  • 011
  • 012
  • frapel