Serie C: VITTORIA ORO ZECCHIN !

Giada, capitana a vita! Contro Trento si stava mettendo male, ma proprio male. Primi minuti in stato di imbambolimento collettivo, con le ospiti che scorazzano: 5-15. Time out Davide: “Ehi! ci vogliamo svegliare?” Giada in cattedra. Prende a schiaffi canestro, avversarie e compagne…, 8 punti in due giri di lancette e Thermal in pista di lancio: break 20-0 ! e alla prima sirena 25-15. Ovvero,come rovesciare la gara come un calzino, docente Giada Zecchin. Sciolti muscoli e membra, tiriamo su le maniche in difesa, e con la box&one imbrigliamo i loro terminali d’attacco, con Marta che riconquista il trono ai rimbalzi. Davanti,finalmente, ribaltiamo la palla velocemente sul lato debole per trovare pronte Marta o Giulia.
Il secondo quarto calano i watt della gara. Attendevamo una reazione ospite, ma le trentine vanno a canestro col contagocce con Pusceddu e Caldonazzi. Una manciata di punti, e non è che noi si sia segnato molto di più...(8 a 7 il parziale).Ma non possiamo cullarci sugli allori de

l vantaggio acquisito.
Trento alterna le difese, individuale e zona 2-3, noi sempre a uomo, con ritorni alla 4+1 vincente. Nel pre partita le attenzioni erano rivolte soprattutto a Pezzato e Aquilini, ma il pericolo di ieri sera porta il nome di Caldonazzo. Difendere il risultato è roba da calcio, e poi manca ancora una vita. Eggià! e loro si fanno sotto, raggranellano punto su punto, capitan Gelmetti guida la rincorsa, Bortolotti infila due triple:(33-30).Danze riaperte.Mai rilassarsi. Lello “ Bisogna cambiare atteggiamento”, rientriamo in campo, Davide chiama Erika, che risponde alla grande. Praticamente senza errori il suo “magic period”. Tredici punti, un tiro da tre e difesa più il suo score. Sempre così Erika! Ed è di nuovo il vuoto tra noi e Trento, ormai incapace di una seconda reazione (62-48).

  • 008
  • 009
  • 010
  • 011
  • frapel