Serie C: Una valanga di verde!U13: Corsare a Rovigo!

E pensare che sul lago ci avevamo lasciato le penne. Di un solo punto e mettendoci del nostro, Garda ci aveva guastato il battesimo del campionato. Altra storia, ieri sera ad Abano. Con la coccarda dei capoclasse, imprimiamo noi il passo alla gara. Il 5 su 5 iniziale dalla lunetta ha già qualcosa di magico…..per Garda si alza da 3 Malgarise, l’atleta più pericolosa delle ospiti, colei che all’andata…Vabbè! acqua passata. Però tocca riservarle una difesa particolare. 4 a zona e a turno una su di lei, faccia a faccia, ma non per uno scambio di vedute. L’altra sorvegliata speciale è Galiani, la coppia viaggia a 20 punti individuali a gara. Mettiamo ordine subito anche in attacco, Francesca buca dai 6,25 e Marta crea panico in area producendo falli e tiri liberi.

Chiudiamo 20 a 11 la prima frazione. Thermal c’è! Dimostriamo grande autorevolezza, concentrazione e voglia di “spaccare”.  Anche Garda è costretto a ripensare la sua difesa, e alterna individuale alla zona, ma la coperta sembra corta e negli spazi ci infiliamo che è un piacere. Non osiamo ancora Giorgia, stoicamente in panchina dopo aver passato la settimana  in compagnia di una febbre equina. Loro si mettono a zona ? Bene, pensa Giada, pronta a castigarle con una tripla. Riva perde lucidità nelle concludere e noi allunghiamo andando al riposo sul 34-21. Ma niente feste, in spogliatoio sorrisi spenti dalle “ammonizioni” del coach. Ragionare, usare gli schemi, in difesa scalare, non lasciare spazi in angolo e chiudere bene la linea di fondo.  

Toh! In starting five anche Giorgia, ma non doveva ….no! il rischio è calcolato. La corteccia è dura, Giorgia taglia subito in due la difesa ospite  serve un paio di palloni dentro, e lascia la firma indelebile su una bomba. Garda in difficoltà nell’arginare il nostro impeto, e troppo timido per lanciare una rimonta.  Terzo quarto super, dalla fantasia di Aurora, alla concretezza di Erika, al sacrificio difensivo di Elenina, Sara, e con Cipo stasera a buoni livelli anche in fase d’attacco. Bene anche Elena (la “grande”) efficace soprattutto in attacco. Parziale di 19 a 5, Riva è al tappeto. Flash sporadici e individuali, di contro un Thermal veramente di squadra, che si divide “democraticamente” i punti a referto. I led su 53 a 26 alla fine del terzo quarto. Solo con dieci minuti “tafazziani”  potremmo regalare il match. Ma non sarà così, giochiamo anche abbastanza ordinate, senza strafare, ma concentrate. Un intenzionale all'esuberanza di Sara, un infortunio a Erika (sperem ben!) Quintetti inediti, con le “vecchie” in panca. Garda non fa più paura, esame superato. Davide ricorda che ne abbiamo ancora 10. 

  • 008
  • 009
  • 010
  • 011
  • frapel